Collegamenti sponsorizzati

vini piemonte

Vini Piemonte: quando il D.O.C.G. è di casa

Guida ai Vini pregiati del Piemonte: vi proponiamo informazioni e link utili per conoscere l'alta qualità dei vini piemontesi, che rappresentano l'eccellenza italiana. Col maggior numero di DOCG, i vini piemontesi più prestigiosi sono anche quelli più esportati e conosciuti al mondo. Adatti per esaltare i piatti tipici piemontesi, la produzione è varia e và dai rossi, che rappresentano il 75% circa della produzione, ai bianchi più freschi e giovani. Lasciatevi sedurre dal fascino di una viticoltura millenaria.

Vini Piemonte: quando il D.O.C.G. è di casa Collegamenti sponsorizzati

Il Piemonte rappresenta probabilmente l'eccellenza italiana in quanto a qualità dei vini prodotti. Essendo la coltivazione dei vitigni disposta principalmente in collina, i costi di produzione aumentano di parecchio. Ciò fa sì che i produttori cerchino la qualità a scapito della quantità. Se a questo aggiungiamo la tradizionale passione di questa zona per il vino, tanto da stimare nel I° secolo d.c. la prima testimonianza di una cantina di vino trovata in Piemonte, allora comprendiamo che la vocazione per il vino è tipica di questa regione. Anche gli alimenti tipici piemontesi sono esaltati dal sapore dei vini locali: basti pensare al famosissimo tartufo bianco d'Alba. Guardando ai dati a disposizione, nel 2008 sono stati ben 72 i vini premiati con 5 grappoli dall'associazione italiana sommelier, a testimonianza dell'eccellenza della viticoltura piemontese. Sono circa 14 i vini DOCG piemontesi, e una cinquantina quelli DOC. Tra le zone di produzione più famose c'è senz'altro quella delle Langhe, nel cuneese, dove dsi producono per lo più DOC e DOCG rossi, come Barbera, Nebbiolo, Barolo; l'alto Monferrato, da cui provengono lo Spumante e il Moscato d'Asti e il Brachetto d'Acqui e il Dolcetto; il basso Monferrato, che si caratterizza per dare la vita a Barbera e Malvasia. In sostanza, non c'è angolo di regione che non sia produttore di vino. Il vitigno più diffuso è il Nebbiolo, che peraltro partecipa cospicuamente alla nascita di Barolo e Barbaresco. Tra i bianchi, invece, si distigue l'Erbaluce, tipico del canavese, che dà luce ad alcune DOC come il Canavese, Coline novaresi ed Erbaluce. Il vitigno Nebbiolo è il simbolo dei vitigni italianai, è presente nel nostro Paese dal 1200 e, come dicevamo, costituisce buona parte del vino Barolo. Il vitigno Nebbiolo ha maturazione fino a Ottobre inoltrato: a causa della essitenza di una intensa pruina in superficie degli acini, il colore argentato della nebbia autunnale della regione conferisce un colore dalle sfumature grigie al caratteristico viola degli acini del vitigno: questa è quasi una annebbiatura. Da qui il nome caratteristico del vitigno e del vino stesso. Il Dolcetto d'Asti e il Dolcetto d'Alba, invece, sono caratterisitci delle colline tra Asti e Cuneo. In piemontese "ducet" significa appunto collina: da qui il nome dei vini, e non, come si ptrebbe pensare, al sapore dolce degli stessi. Anzi, sono vini DOC che si caratterizzano per il spaore asciutto, secco, leggermente acido e molto armonici. Tra gli altri vini DOC particolarmente apprezzati dagli Italiani c'è il Brachetto ottenuto da uva omonima, dolce, leggermente frizzate e delicato. L'Asti spumante è il vino DOCG italiano più esportato nel mondo. Colore giallo paglierino, spuma fine, è perfetto per dolci e dessert. La Barbera (attenzione all'articolo determinativo femminile) è invece tipica in tre tipologie: d'Asti, d'Alba e del Monferrato. Un vino stra-consigliato per assaporare al meglio alcuni dei piatti tipici regionali più famosi: la bagna cauda e il faggiano in casseruola.

Stampa, invia via email, segnala nei tuoi social network
OkNotizie



Lascia un commento su questa pagina:

Inserisci le due parole che trovi nel box sottostante:

Collegamenti sponsorizzati


Cerca nella tua Regione
Cerca nella tua Provincia
Collegamenti sponsorizzati
} catch(err) {}

Questo sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Leggi informativa

Chiudi e accetta